Le visciole al sole

La pianta che produce le visciole è il Prunus cerasus detto anche l Ciliegio acido che bene  si adatta bene alle condizioni climatiche delle zona collinare e montuosa della provincia di Pesaro Urbino. La zona in cui maggiormente crescono le piante di visciola è quella di Cantiano, alle falde del Catria. La visciola di Cantiano è iscritta nell’elenco ufficiale dei prodotti agroalimentari tradizionali della regione Marche. Questo piccolo frutto un po’ asprigno e dal colore rosso scuro   che contiene gli antociani, grazie alla presenza di questa sostanza che gli conferisce la colorazione  vengono  riconosciute anche  la proprietà  di combattere le infiammazioni delle articolazioni causate dall’artrite e  quella […]

Coniglio in porchetta alla marchigiana

Un piatto della tradizione culinaria marchigiana;  un piatto tra i più caratteristici di questa terra dal sapore e dal profumo particolare e inconfondibile dato dal finocchietto selvatico. Il finocchietto selvatico è una pianta aromatica dall’aroma dolce, ma nel contempo piccantino,   molto utilizzata nella tradizione gastronomica marchigiana. Si utilizzano sia le foglie si raccolgono in primavera e si impiegano fresche, sia i frutti che i gambi che vengono raccolti in estate e in autunno. Cresce spontaneamente lungo le strade di campagna e predilige  i luoghi soleggiati, incolti, secchi e ciottolosi.

L’ “Antico Furlo” e Alice nel Paese delle Meraviglie!

Lunedì della scorsa settimana sono entrata  per la prima volta nell’Antico e Rinomato Albergo Ristorante “Antico Furlo” e grazie alla bellezza e alla magia del locale ammetto di essermi sentita come Alice nel Paese delle Meraviglie!!!. Già,  il Furlo, posto sulla via Flaminia è di per sé un luogo di ineguagliabile e incredibile  bellezza, ricco di natura , di  storia e di tradizione gastronomica. La Gola che si è formata grazie alla erosione del fiume avvenuta  ben oltre 200 milioni di anni fa, è delimitata dai monti Pietralata e Paganuccio  le cui pareti fatte di rocce di origine marina, sembrano essere state tagliate da […]

Le cresciole fritte

“Se nel pomeriggio passi da casa per il caffè ti faccio le cresciole fritte” Non sapevo cosa fossero le cresciole,  ma solo a scandire quella parola  così armoniosa mi veniva l’acquolina in bocca. Il caffè a casa di Flora è un rito e allora non ho mancato all’appuntamento

I passatelli con asparagi, salsiccia e crema di parmigiano

I passatelli fatti in casa, romagnoli o marchigiani,  che sia, per gli ingredienti che li compongono hanno origini povere, ma sono un grande piatto!!! Nati per riciclare in pane raffermo senza sale che qui viene utilizzato tritato, si impastano con il parmigiano, le uova e la farina, si passano con l’apposito ferro ( in dialetto el ferr d’i pasatei)  

Ecco una ricetta tradizionale di Moie, una cittadina marchigiana, suggerita dallo chef Raul Ballarini…

Questa sera ho ricevuto da Daniele  una mail in che mi suggeriva questa gustosa ricetta a base di cicerchia.  Dopo alcune verifiche ho visto che la ricetta e la foto sono già pubblicate sul sito Alimentipedia, comunque data la particolarità dell’ingrediente principale ho deciso di pubblicarla, segnalandovi la fonte della foto e della ricetta .   La cicerchia, anche se è un legume poco diffuso a me piace molto  per il suo gusto molto gradevole che è una via di mezzo tra quelle delle fave e quello dei piselli. le Tagliatelle alla Moiarola…

Spaghetti con le vongole alla pureta

Le vongole alla “pureta” sono un gustoso antipasto di mare molto usato nella zona di Fano. Come dice il nome è un piatto molto semplice, povero, in cui le vongole la fanno da protagonista. La versione tradizionale di questo piatto è “in bianco” ed è messa in tavola come antipasto, ma l’intingolo che si forma è così delizioso checi condisco la pasta Nell’Alto -Medio Adriatico le vongole ( dette “poveracce”  o “purazze”)  sono pescate in grandi quantitativi con le “vongolare” delle apposite barche da pesca dotate di attrezzi raschia fondo posti sotto la prua che, trascinati dall’imbarcazione, servono per raccogliere le […]

I maritozzi marchigiani al mosto con il lievito madre e l’anice verde di Castignano

Il mosto è il liquido che si ottiene dalla spremitura degli acini d’uva. E’ formato da una parte liquida e una solida formata da bucce e semi. Il mosto fresco non fermentato ma  filtrato può essere usato per la preparazione di dolci.  

Comunanza, il tordo matto, il menù dei 100 anni, e la Birra delle Fate

Nona puntata… L’ avventura che la carovana itinerante del “Social Media Team” ha vissuto lungo la SP 514 continua… Oggi siamo a Comunanza , un  paese medioevale del Piceno in cui arte storia e coltura narrano il suo passato. Comunanza è posta sulle colline boscose  nella valle del fiume Aso che l’attraversa e divide la parte medioevale della città  da quella moderna.

Un altro gustoso piatto della tradizione marchigiana: i gnocchi con la papera

i gnocchi con la papera… Ingredienti per i gnocchi: 1 kg. di patate farinose olandesi gialle, 200 gr. di farina, acqua, sale. Ingredienti per il ragù: 1 papera, 100 gr. di prosciutto crudo, 1/2 cipolla finemente tritata, 1 costola di sedano, 1 carota, passata di pomodoro,  olio extravergine d’oliva,  sale e pepe. Ingredienti per condire:  parmigiano grattugiato Lavo le patate, le lesso in acqua salata, le pelo e le passo nello schiacciapatate. Sulla spianatoia leggermente infarinata, impasto la purea aggiungendo poca farina per volta, fino a ottenere un impasto morbido e liscio ma non troppo lavorato. Divido l’impasto a pezzi e […]