Risotto con fave rucola e vongole

Un risotto tipicamente primaverile molto leggero, ma nello stesso tempo moto saporito e gustoso. L’accostamento fave, rucola e vongole, può sembrare un po insolito, ma il risultato è eccezionale. In questa ricetta non ho menzionato l’uso del sale perchè è importante ridurne il consumo o quantomeno utilizzarlo con parsimonia.  Per rendere gustosi i nostri piatti basta insaporirlo  con le erbe aromatiche  che non solo gli conferiscono aroma e sapore ma sono ricche di proprietà benefiche. Aspettando che il riso sia pronto mi leggo di un buon libro… Nel sito Arteiamo   di Carla Tommasone possiamo scegliere tranquillamente la nostra lettura preferita tra […]

Insalata di rucola fragole e aceto balsamico

Una insalata che vi consiglio proprio di provare. L’abbonamento rucola, con il suo  aroma speziato e piccante, fragole con il loro aroma dolciastro, e aceto balsamico è pressoché perfetto! E questa insalata ha un vantaggio in più: si la rucola,,  che le fragole  hanno poche calorie e aiutano ad abbassare lo zucchero nel sangue. ma,  anche al contrario di quanto si possa pensare, l’aceto balsamico è un ottimo condimento che  abbassa la glicemia. Quindi godiamoci questa insolita, ma ottima insalata!

Risotto con foglie e fiori di malva al profumo di limone

La malva è un erba aromatica  che fa parte della famiglia delle Malvacee. Cresce spontaneamente quasi esclusivamente in terreni incolti e abbandonati. Ha le  foglie rotonde e  frastagliate;  la primavera è la stagione in cui  fioriscono i suoi fiori di un meraviglioso color viola che da sempre vengono utilizzati come panacea per tutti i mali. Con la Malva Sylvestris si possono preparare tisane e decotti dall’effetto antinfiammatorio e riattivante delle mucose. In cucina l’uso della malva è molto diffuso. Le foglie quando sono ancora tenere si possono utilizzare come gli  spinaci per la preparazione di  minestre e ripieni.

All’ Orto Botanico di Padova si parlerà di “Erbe aromatiche, intolleranze alimentari e proprietà mediche”

Metti insieme l’Orto Botanico di Padova, il più antico Orto botanico al mondo e Valbona, l’Azienda Veneta specializzata nella lavorazione e trasformazione di verdure e ne esce un incontro tutta natura… Prossimamente, infatti,  all’Orto Botanico di Padova in occasione della seconda giornata dell’Aromatic Day  si parlerà di   “Erbe aromatiche, intolleranze alimentari e proprietà mediche”. Le erbe aromatiche sono quelle alleate che in cucina ci permettono di trasformare i nostri piatti in deliziose specialità, dandogli quel tocco in più caratterizzandoli.

Torta salata con verdure di primavera ed erbe aromatiche

Le erbe aromatiche le conosciamo e le  utilizziamo un po’ tutti per insaporire i piatti esaltandone il sapore. Vivono allo stato selvatico, ma ormai è abitudine coltivare negli orti e nei vasi sui balconi delle nostre casa. Le erbe aromatiche  più diffuse in cucina sono il prezzemolo, il basilico, la salvia, il rosmarino il timo e la maggiorana ma ne esistono molte varietà  e tutte con ottime qualità. Il loro utilizzo di permette di diminuire l’uso del sale in cucina e questo è un grosso beneficio per la nostra salute.

Filetti di branzino con emulsione di olio lime prezzemolo e succo di zenzero

Il branzino o spigola, è dei i pesci di mare uno dei  più conosciuti e apprezzati per le sue  carni bianche, sode, profumate molto saporite leggere, digeribili e resistenti alla cottura. Pur avendo poche calorie è un’ottima fonte di sostanze nutritive essenziali ed è ricco di acidi grassi omega 3, che ci aiutano a ridurre il rischio di avere malattie cardiovascolari. Il branzino, è  un pesce  di mare, infatti ce n’è in abbondanza nel Mar Mediterraneo ma,   può vivere anche in lagune salmastre e in acque dolci. Di questo c’è traccia negli scritti di Plinio in cui narra che il […]

Insalata mista ai fiori con le erbe aromatiche

Non voglio più sentire dire che l’insalata è di per se triste: questa mette allegria solo a vederla! Così colorata e profumata invita proprio a metterla in bocca. Un avvertimento importante, però: i fiori commestibili in essa contenuti devono provenire da coltivazioni assolutamente biologiche, quindi da preferire quelli coltivati da noi nei giardini o sui balconi se abbiamo la certezza che sono coltivati senza i concimi. Oltre ai fiori che vi ho indicato nella ricetta potete utilizzare i fiori di borragine,  le margherite, i nasturzi, la calendula, il tulipano, la rosa, il geranio, il sambuco e ancora tanti altri.

Theo Karathanasis, lo zafferano ellenico e il Giro d’Italia dei sapori

Ho incontrato per la prima volta Theo Karathanasis,  lo chef ufficiale dello zafferano Krokos Kozanis promosso in Italia da Giorgio Bacagias, nella cucina del ristorante “Alla Lanterna”, di Fano dove era ospite di  Elide Pastrani, che di quella cucina è la regina. Ho molto apprezzato i suoi piatti impreziositi dallo zafferano e dalla bottarga di muggine greca, che è molto differente dalla nostra bottarga e si degusta tagliata a fette,  come fosse un salame, il 5 di aprile scorso, in occasione della tappa fanese del “Giro d’Italia dei Sapori” Il giorno dopo ci siamo incontrati davanti ad una tazza di caffè, nel […]

Dalla XIV Rassegna nazionale degli oli monovarietali di San Severino Marche è nato l’ olio della Rinascita

La scorsa settimana a San Severino Marche, presso il Chiostro di San Domenico,   si è svolta la “XIV Rassegna Nazionale degli Oli Monovarietali” organizzata dalla Pro Loco, con il patrocinio del Comune e  con la collaborazione di Assam, di Ascent, dei  produttori e dei  tecnici del settore provenienti un pò da tutta Italia. Nonostante il terremoto e nonostante la scorsa  campagna olearia sia stata deludente a causa della mosca,  a San Severino Marche, in provincia di Macerata,  c’era tanta voglia di guardare avanti, di pensare al futuro, ma soprattutto c’era tanta voglia di Rinascita. Il messaggio di fondo di […]

Zuppa di cicoria e fave secche di Fratte Rosa

Spesso non ci si rende conto di quanto sia ‘importante  ridurre il consumo di sale per migliorare la nostra salute. Di solito nelle ricette si trova indicata la quantità di sale da utilizzare con la sigla qb ovvero con quel fatidico quanto basta che è troppo generico e troppo soggettivo. Il nostro palato è abituato a piatti saporiti e questo porta a un  consumo di sale di molto superiore al nostro fabbisogno giornaliero e questo può portarci ad avere problemi di ipertensione.