Dalla Sicilia, un dolce di Natale carico di magia: il buccellato

Alcune notizie…

Nel periodo della novena natalizia, attorno al focolare si ritrovavano amici e parenti mentre le donne più anziane, per allietare il tempo che trascorrevano insieme, mettevano sulla tavola delle vere e proprie leccornie. Il culmine di questi pranzi si raggiungeva durante il pranzo di Natale quando, dopo tante portate ricche e succulente, veniva messo in tavola il Buccellato che per antonomasia è il dolce natalizio siciliano carico di potere magico ed augurale.

Il suo nome deriva dal latino”buccellatum” cioè pane da dividere in buccelli, ovvero in bocconi, per la sua morbidezza.

la ricetta…

Ingredienti: 300 gr. di farina, 125 gr. di burro, 50 gr. di zucchero, 300 gr. di fichi secchi, 200 gr. di uvetta sultanina, 100 gr. di uva passa, 1 cucchiaio di Marsala, 50 gr. di gherigli di noci, 30 gr. di pinoli, 30 gr. di scorza di arancia candita, 50 gr. di zucchero, confettini colorati, 3 chiodi di garofano, un pizzico di pepe.

In una ciotola metto la farina, il burro, lo zucchero, il cucchiaio di Marsala e impasto con le mani fino ad avere un impasto liscio ed omogeneo che lascio riposare avvolto in un panno per circa un’ora, poi stendo la pasta con il mattarello.

Nel mixer metto i fichi secchi, l’uva passa, l’uva sultanina, le mandorle, i pinoli, la scorzetta di arancia, lo zucchero, i chiodi di garofano e un pizzico di pepe e li trito grossolanamente.

Con il mattarello stendo la pasta a rettangolo, metto il ripieno al centro, la chiudo a rotolo dandogli una forma a ciambella; sulla parte superiore faccio delle piccole incisioni, la spennello con il tuorlo d’uovo e metto in forno già caldo  a 180° per circa per venti minuti/mezz’ora

Faccio raffreddare poi decoro con lo zucchero a velo, i pezzetti di pistacchio, la frutta candita e i confettini.

5 pensieri su “Dalla Sicilia, un dolce di Natale carico di magia: il buccellato

  1. Sembra un dolce ottimo lo proverò sicuramente, volevo solo sapere a quanto mettere il forno per evitare che si bruci la torta!

    grazie… Buone Feste

Commenta l'articolo