Pere ripiene di formaggi e noci

Alo contadino non far sapere quanto è buono il formaggio con le pere, ma il problema è che lui lo sa 🙂 Quello che vi presento oggi è un antipasto un po diverso, ma che piacerà tantissimo: le pere ripiene di formaggi e noci.  Per rendere il ripieno più light al tradizionale gorgonzola che ho usato in porzione ridotta,  ho aggiunto  il formaggio Quark, un formaggio magro, fresco, a pasta molle, dal sapore acidulo, abbastanza neutro che ben si presta d essere utilizzato in cucina.  

Zuppa di farro zucca e ceci con rosmarino e peperoncino

La zuppa di farro zucca e ceci con rosmarino e peperoncino oltre ad essere un primo piatto molto saporito e gustoso,  è un bel  connubio di carboidrati, fibre  e proteine vegetali ed è un valido sostituto ad un piatto di carne.  

La gelatina di mele

La gelatina di mele è una di quelle cose a cui non so rinunciare.  Preparata così, senza zucchero, la posso mangiare anche tutte le mattine a colazione certa che la mia glicemia non ne risenta. Le mele naturalmente contengono la pectina che è un buon addensante, ma ho aggiungo un po’ di agar agar in polvere per renderla più gelatinosa. L’agar agar è un alga incolore, insapore e senza glutine che non altera in nessun modo il sapore dei cibi in cui viene utilizzato.  

La verza ripiena

La verza o cavolo verza (Brassica oleracea sabauda), detta anche cavolo di Milano è un ortaggio di origine antichissima è coltivato soprattutto nelle regioni dell’Italia Centro settentrionale. Viene utilizzata prevalentemente cotta per la preparazione di minestre, zuppe. Come secondo piatto viene abbinata prevalentemente alla carne di maiale e l’esempio più tipico è la “Cassoula milanese” ma si abbina bene anche ai formaggi e ad altri tipi di verdure. Nonostante abbia un odore fortissimo dovuto alla presenza di zolfo nelle sue foglie,  ha un sapore decisamente delicato e gradevole.

Baccalà in umido con i ceci

Per me che sono cresciuta in campagna con la nonna il baccalà in umido con i ceci è uno dei piatti del ricordo. Solo a pensarci ne sento il profumo e mi viene l’acquolina in bocca. Il baccalà eniva cucinato principalmente in umido con i ceci, ed era un piatto unico  o con le cipolle e in questo caso veniva servito con la polenta. La nonna prima di metterlo nel pomodoro lo infarinava e lo friggeva, ma io devo evitare questo tipo di cottura. Diabete e fritto non vanno per nulla d’accordo, quindi vi propongo la sua ricetta ma in […]